Fasti Online Home | Switch To Fasti Archaeological Conservation | Survey
logo

Excavation

  • Castelseprio, il castrum e il borgo
  • Castelseprio
  • castrum Sibrium
  • Italy
  • Lombardy
  • Provincia di Varese
  • Gornate Olona

Tools

Credits

  • failed to get markup 'credits_'
  • AIAC_logo logo

Summary (Italian)

  • Campagna 2016-2017

    Dal 2016 il Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell’Arte dell’Università Cattolica (sez. Archeologia, sedi di Milano e di Brescia) ha avviato un progetto di ricerca nel castello tardo antico e medievale di Castelseprio (Varese). Esso assunse una particolare rilevanza storica con i Longobardi: la chiesa di Santa Maria foris Portas e il monastero nella torre di Torba, eccezionali sopravvivenze architettoniche e artistiche, sono state inserite nella rete di siti “I Longobardi in Italia (568-774)” iscritta nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

    Le attività sul campo, che avevano visto l’ex Istituto di Archeologia dell’Ateneo già attivo nel sito fra il 1977 e il 1981, sono riprese nel 2016 e proseguite nel 2017.
    Si sono articolate in 3 settori:
    1) “Casa medievale”, nel settore sud-occidentale all’interno del castrum: con la ripresa dello scavo stratigrafico sono stati documentati gli assetti planimetrici e funzionali dell’articolato complesso abitativo e i significativi interventi di ristrutturazione durante il suo periodo di vita. Un saggio al suo interno ha permesso di riportare in luce stratigrafie e materiali relativi alle fasi precedenti. La casa, nel settore indagato, ha avuto un immediato intervento di restauro e offre ora un ulteriore polo di visita nel percorso dell’area archeologica.
    2) Borgo: ricognizione estensiva nelle aree esterne al castrum, a ovest di questo, tradizionalmente ritenute pertinenti al borgo, e più mirate indagini di superficie in due settori, l’uno nelle vicinanze a nord della chiesa di Santa Maria foris portas e l’altro prossimo all’ingresso principale al catrum, a nord-ovest del ponte. L’attività – diagnostica e supportata da informazioni pregresse e da remoto – era finalizzata a raccogliere dati preliminari utili alla migliore programmazione di futuri scavi stratigrafici nel borgo; sono state rilevate strutture murarie affioranti, che compongono edifici piuttosto estesi ed articolati, a indicare un’alta densità abitativa.
    3) San Paolo: una campagna di rilevamento – sia 3D che 2D – delle strutture emergenti della chiesa di San Paolo è stata condotta con l’ausilio di strumentazione di precisione e ad alta tecnologia, in funzione della costruzione di modelli tridimensionali e fotogrammetrici e dei rilievi planimetrici dell’edificio; la documentazione è propedeutica alla lettura stratigrafica degli alzati e allo studio complessivo del monumento.

  • Caterina Giostra 

Director

  • Marco Sannazaro, Silvia Lusuardi Siena, Caterina Giostra – Università Cattolica del Sacro Cuore, sedi di Milano e Brescia

Team

  • Elisa Del Galdo - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
  • Mauro Vassena - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
  • Alessandro Zobbio - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
  • Micaela Leonardi - Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano
  • Caterina Giostra, Leonardo De Vanna, Federica Matteoni, Guido Guarato - Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Milano

Research Body

  • Università Cattolica del Sacro Cuore, sedi di Milano e Brescia, Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell’Arte e Scuola di Specializzazione in Beni archeologici

Funding Body

  • Regione Lombardia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Provincia di Varese, Comune di Castelseprio

Images

  • No files have been added yet