logo
  • Grotte Scalina
  • Musarna
  •  
  • Italy
  • Latium
  • Provincia di Viterbo
  • Viterbo

Credits

  • failed to get markup 'credits_'
  • AIAC_logo logo

Monuments

Periods

  • No period data has been added yet

Chronology

  • 300 BC - 1699 AD

Season

    • The rock-cut tomb of Grotte Scalina is situated in a solitary position in the countryside midway between Viterbo and Tuscania. At the time it was created, towards the end of the 4th century B.C., this area corresponded with the central part of Tarquinia’s territory, occupied by a network of fortresses, which included the inland colony of Musarna, only 2 km to the south-west. This is the first season of a joint research and excavation project run by il CNRS (UMR 8536, ENS, Paris), the Archaeological Superintendency for south Etruria and the École française de Rome. This is an exceptional tomb, known from early 20th century documents, but all traces of which were lost. Considered to have been destroyed, it was rediscovered in 1998 during the survey around the site of Musarna. The monumental facade, c. 15 m wide, has partly collapsed. Its first level is c. 6 m high to the rear of which the cut tufa presents a false door, to the west of which steps lead up to the monuments first floor. The work undertaken in 2011 showed that the drawing made by L. Rossi Danielli was not correct: it indicated the presence, below the facade, of an underground chamber (with 2 m sides), containing a single bed, at about 2 m below ground level. In effect, the entire length of the _dromos_ was exposed and the excavation of its front part made it possible to calculate the tomb’s depth, which should be about 7.50 m. The chamber is square in plan with a central pillar. According to local sources, is still thought to contain about ten sarcophagi with reclining figures. Investigation in front of the facade uncovered, to the east, a column base with moulding and traces of stucco that is almost 2 m in diameter, and ascertained the presence of a second symmetrical column to the west. The excavation also uncovered a second _dromos_, perpendicular to the tomb’s main _dromos_, according to a plan attested in other monumental tombs of contemporary date. These first elements have shown that this tomb, to date considered to be an isolated type, was in reality very similar to one of the known larger Hellenistic rock-cut tombs, the Lattanzi tomb at Norchia. The proportions, general plan, architecture and probably the date, are the same. The evidence seems to suggest that both monuments were built by the same team of specialist artisans.
    • This year’s work concentrated on the external parts of the Hellenistic rock-cut tomb documenting the structure’s architecture. The tomb structure was entirely cut into the tufa. From the ancient road, monumental steps (not yet completely excavated) lead up to a terrace to the rear of which is the facade comprising two columns (6 m high and 2 m in diameter at the base), flanked on each side by a door, constituting the entrance into a lower facade. This room, divided in two by a deep _dromos_ above which the rear wall presents a false door, has a bench on each side divided into three banqueting couches. Patches of painted wall plaster are preserved on various sectors the monument’s walls. To the west, steps lead up to a second level, now almost completely collapsed, whose facade must have had four columns, 4 m high. From this terrace, to the east, a second flight of steps leads to the top of the structure. The rear part of the summit is preserved and had a pitched roof, suggesting that the facade probably presented a decorated pediment. This season’s data confirmed the suggested parallel with the Lattanzi tomb at Norchia, which also presents a facade with porticoes on two levels; the reconstruction of the latter equally exceptional example, can now be improved based on this new data. However, it is obvious that this type of architecture does not represent a temple, rather the prothyrum of a monumental building, attested for the same period in the Macedonian palaces of Vergina and Pella. Excavations behind the monument revealed evidence of quarrying and two Hellenistic “a cassone” tombs, one of which filled with very compact earth that could be intact. The steps leading from the first floor to the roof were blocked by a wall that was probably part of the fortifications at the end of the plateau. These are attested further north by the presence of a great defensive ditch, clearly visible on aerial photographs. At present, we have no useful dating evidence for this late reoccupation of this area, perhaps to be ascribed to the late antique period. Lastly, on each side of the monument, a rock-cut grotto seems to suggest that hermits lived here in a period which the pottery finds date to between the 9th and 12th centuries. There was a period of intense use between the mid 16th century and mid 17th century, during which the blocks from the destruction of the rock-cut facade were probably completely removed; this new occupation may explain the fact that pilgrimages visited the site, probably due to the famed sanctity of one of the hermits.
    • I lavori eseguiti nel corso del mese di luglio 2013 rappresentano il completamento dell’indagine eseguita dal 2012 sulla parte esterna della grande tomba rupestre ellenistica di grotte Scalina. Nella parte superiore del monumento, a ridosso di esso, due fosse rettangolari scavate nel tufo sono ora interpretabili come di uso agricolo: una di esse, ad est, che presenta sul fondo due incassi rettangolari, era probabilmente destinata a bloccare i due pali verticali di un torchio (fig. 1, E. Lovergne). Nella parte alta della scala che porta dal livello intermedio al tetto della tomba (fig. 2, E. Lovergne), è stato smontato il muro di grossi blocchi che chiudeva tale passaggio; la ceramica rinvenuta all’interno del muro consente di datarlo in età medievale. Al pianterreno del monumento, sono stati riportati alla luce i due letti tuttora interrati della sala di banchetto funerario (fig. 3, E. Lovergne). Tale lavoro ha consentito di accertare che i letti presentavano almeno due colori, il giallo ed il rosso ; altri colori (bianco, azurro, verde) sono documentati dai numerosi frammenti raccolti nelle vicinanze. Sotto il pianterreno del monumento, lo scavo mirava a riportare alla luce la scala d’accesso monumentale che esso doveva sicuramente comportare. I lavori hanno consentito di abbassare di ca. 2 m la superficie del terreno davanti alla terrazza del monumento, fino al terreno vergine, senza incontrare alcuna evidenza di una scala, probabilmente distrutta a questo livello, a causa della scarsa consistenza del terreno naturale. Nel corso di questi ultimi lavori, sono state riportate alla luce nella parte sud-est dello scavo, ad una quota inferiore a quella della terrazza del monumento, due tombe gemelle costituite da una semplice camera dotata di un letto funebre laterale, accessibile tramite un breve _dromos_ in ripido pendìo (fig. 4, E. Lovergne). Ambedue avevano conservato la loro chiusura, accuratamente costruita con grossi blocchi di tufo rinforzati da piccole pietre; la volta delle tombe è sparita, distrutta in età medievale o moderna, e la quasi totalità del corredo delle due tombe è stata trafugata, probabilmente nel secolo scorso. Tuttavia, alcuni frammenti di bucchero nero e di ceramica attica a figure nere consentono di datare queste sepolture entro l’ultimo quarto del VI sec. a.C.; ributtati nella tomba ovest, sono stati rinvenuti i resti di tre individui, di cui uno potrebbe corrispondere ad un riuso della tomba in età medievale. Ad ovest del monumento, è stata ripulita una piccola grotta simile a quella riportata alla luce l’anno scorso ad est di esso, ma che si presenta ancora del tutto conservata.
    • This season’s excavations, directed by Vincent Jolivet (CNRS, UMR8546, Paris) and Edwige Lovergne (University of Paris I, ED 112), concentrated on two sectors: the _dromos_ of the monumental tomb and the cistern of a small _oppidum_ situated about 100 m to the east of it. The excavation showed that the _dromos_ gradually filled with earth naturally and this process was probably completed by the end of antiquity. Clandestine excavators had robbed the tomb in the 1970s, but only reached the end of the _dromos_ in correspondence with the tomb’s entrance. The presence fragments of Faliscan red-figure pottery and of black glaze pottery from Tarquinia in several of the lower levels of fill of is of great interest, both as evidence of the vessels used in the banqueting room, and as confirmation of the tomb’s dating to the last quarter of the 4th century B.C. Once excavation of the _dromos_ was completed the funerary chamber was entered; two of the lower blocks closing it were preserved. The chamber was sub-rectangular in plan (c. 5 x 6 m), with a central pillar and was filled to a height of c. 1 m by an accumulation of earth from which emerged the fragments of at least nine large nenfro coffins and their covers. The latter were undecorated and were pitched or, more commonly, had a rounded profile. One of the coffins presented a right to left incised inscription, _Vi:larth_, the name and _cognomen_ of the deceased, a member of the family who owned the funerary complex, which can be read as Vipe, Vipine or Vipinana. A small _oppidum_ (330 m2) was situated east of the tomb, at the far end of the plateau, which had been closed off by the creation of a deep ditch. The housings for a wooden bridge were identified on either side of the ditch. The excavation of a cistern, whose presence was indicated by a rectangular well, aimed to date the site’s occupation and gain a better understanding of any possible relationship with the tomb. This was a circular cistern, shaped like a spinning-top, filled with earth of which only the upper part was excavated this season. Fragments of 1st century A.D. pottery and fragments of the _opus_ _signinum_ faced pillars, which seemed to have consolidated the vault, were recovered. This restoration work probably took place in the Roman period, while the cistern – and the site itself, of a military nature – could date to the archaic or more likely the Hellenistic period, and be connected with the foundation of Musarna situated just over 1 km away.
    • This season’s excavations (undertaken by CNRS, UMR8546, Paris and the University of Paris I, ED 112) investigated three sectors: the main underground chamber of the monumental tomb, the _dromos_ of the second underground chamber, and the cistern of a small _oppidum_ situated about 100 m to the east. For the ancient period, the excavation of the main burial chamber revealed several anomalies for a late 4th century B.C. aristocratic tomb within the territory of Tarquinia. Such anomalies are represented by the very rough characteristics of its internal architecture, the simplicity of the nine sarcophagi, the scarcity of the epigraphic documentation, and the absence of materials pre-dating the 3rd century B.C. (while the materials from the external terrace of the tomb and _dromos_ fill includes red-figure pottery). The continuation of the excavations should clarify these anomalies. The excavation of the _dromos_ of the second chamber suggests the funerary chamber was used in the modern period, unlike the main chamber, for new burials. Therefore, its excavation is of great interest regarding the way in which an Etruscan tomb was adapted for reuse. Regarding the modern period, a Jubilee medal dating to the late 17th century was a surface find, which probably came from a burial. It confirms ritual use of the tomb, at least from the 16th to 18th centuries, documenting a link between Grotte Scalina and the pilgrim route along the nearby via Francigena, offering an invaluable key to the understanding of why the monument was completely cleaned, probably during the 16th century, without however being used for any practical purpose. The imitation door and rock cut steps reference the Holy door and Holy steps in Rome. The excavation of the cistern, in addition to providing a homogeneous context dating to the early 1st century A.D., was of particular interest for its exceptional typology: to date, the presence of two columns inside it has no parallels in the architecture of this region. The materials collected from the fill exclude a medieval dating, and suggest that it was created at the beginning of the Hellenistic period, when the small _oppidum_ must have become part of Musarna’s larger defensive system.
    • I lavori eseguiti dal 3 luglio al 4 agosto 2015 hanno interessato tre settori: l'ipogeo secondario del complesso monumentale, il pendìo della collina antistante la tomba, ed il piccolo oppido situato un centinaio di metri ad est di esso. Scavato l'anno scorso, il _dromos_ perpendicolare al _dromos_ principale del complesso porta ad una camera funeraria subquadrata rivenuta interamente riempita di terra, il cui soffitto era interamente crollato. Tale ambiente presenta sul lato destro una panchina sulla quale sono stati collocati tre sarcofagi di nenfro, mentre un quarto si trovava a sinistra dell'ingresso della camera. La tomba è stata quasi interamente depredata, ma non riutilizzata per nuove sepolture, come l'ipotizzavamo, in età medievale o moderna. Sia la parte conservata dei corredi funebri, che include alcuni bronzi legati alla sfera muliebre - uno specchio, una fiaschetta ed i piedi di una cista - che le iscrizioni feminili recate da due dei sarcofagi sembrano confermare l'ipotesi che questa camera sia stata riservata alle donne. Come nel caso della camera principale, questa seconda camera è stata rozzamente eseguita, contiene pochi sarcofagi di fattura semplice, poche iscrizioni, e non vi sono stati rinvenuti elementi di corredo anteriori al III secolo. Per queste ragioni, va ipotizzata la presenza di una vano funerario anteriore, accuratamente sigillato all'inizio del III secolo, al disotto la camera scavata l'anno scorso. La prospezione georadar eseguita quest'anno sembra confermare la presenza di un pozzo rettangolare al centro della camera principale, adoperato per scavare l'ambiente sottostante e calarci successivamente i sarcofagi. La trincea aperta in asse con il dromos principale della tomba, per tutta l'altezza della collina, mirava a accertare la presenza o l'assenza di una scala di accesso centrale al complesso funerario. Non è stato finora evidenziato alcun intervento di sistemazione del pendio, ad eccezione di un muro fatto di grossi blocchi rozzamente squadrati che segue il ciglio del pendìo, e poggia sul crollo di blocchi di distruzione della tomba: sembra trattarsi di un muro di contenimento della strada di accesso al monumento in età moderna, che potrebbe tuttavia ricalcare un tracciato antico. La trincea aperta sul vicino oppido ha rivelato la presenza di muri ortogonali costruiti in opera quadrata a secco, sicuramente riferibili ad una piccola fortezza di età ellenistica inserita nel sistema difensivo della vicina Musarna.
    • I lavori eseguiti dal 3 luglio al 5 agosto 2015 hanno prevalentemente interessato tre settori: il complesso funerario monumentale, il campo sovrastante la tomba ed il piccolo oppido dell'Isolotto. Il completamento della trincea iniziata l'anno scorso per tutta l'altezza della collina, in asse con il dromos della tomba, ha consentito di stabilire che non è mai esistito, almeno in questo settore, un dispositivo di accesso diretto alla tomba a partire dalla strada antica che passava nel fondovalle, della quale non è stata rinvenuta alcun traccia - forse perché essa fu ricalcata, già in età medioevale e moderna, dal percorso della strada tuttora esistente oggi. L'ipotesi più verosimile risulta dunque che l'accesso alla tomba monumentale avvenisse all'altezza del suo pianterreno, tramite una strada creata a mezzo pendìo della collina (indirettamente attestata dalla presenza delle due tombe arcaiche rinvenute nel 2013 a sud-ovest della tomba), poi ricalcata da una strada di età moderna. Quest'ultima è documentata da un muro di contenimento composto da rozzi blocchi squadrati rinvenuto l'anno scorso sul ciglio del pendìo, creata dopo la ripulitura completa dei blocchi di crollo della tomba, effettuata al fine di consentire il suo nuovo uso rituale, intorno alla meta del XVI secolo. I sondaggi eseguiti intorno alla tomba hanno portato alla scoperta di una moneta di Clemente XVI, coniata nell'anno giubilare 1600, la quale conferma la funzione del sito come luogo di peregrinaggio legato al giubileo romano, e consente di attribuirla ad una data anteriore. Essa raffigura da un lato lo stemma pontificale, dall'altro la Porta Santa. In seguito all'indagine geofisica realizzata l'anno scorso, sono state realizzate diverse operazioni mirate a localizzare la camera originaria del sepolcro, di cui diversi indizi concordanti (contrasto tra l'architettura esterna e la scarsa cura portata allo scavo delle camere; qualità mediocre dei sarcofagi; rarità delle epigrafi; materiale ivi raccolto più tardo di mezzo secolo rispetto alla data di creazione della tomba) consentono di ipotizzarne la presenza. Nel centro dell'ipogeo principale, dove la prospezione geofisica suggeriva l'esistenza di un pozzo quadrato antico (probabilmente creato per saggiare il terreno sottostante), è stata effettuata una perforazione profonda 15 m che ha evidenziato l'assenza di ogni vuoto, nonché un terreno molto morbido, del tutto inadeguato per la creazione di una camera funeraria. Altre indagini realizzate nello stesso ipogeo - spostamento di un sarcofago, saggio in una parete - non hanno dato alcun esito convincente. Si può ipotizzare che i creatori della tomba, visto la scarsa qualità del terreno nella parte inferiore della collina, abbiano scelto di scavare l'ipogeo più in alto, nello strato di tufo compatto nel quale è stata tagliata la facciata. Se tale ipotesi cogliesse nel vero, la camera funeraria potrebb'essere stata accessibile dal pianoro sovrastante la tomba, un'ipotesi che andrebbe ulteriormente verificata. Le precedenti indagini, nonché diverse fotografie aeree, avevano consentito di localizzare nel campo sovrastante la tomba un piccolo sito medievale databile, sulla base di parte della sua cinta muraria scavata nel 2013, dei XII-XIII sec., che sembrava delimitato verso ovest, nord e est da un profondo fossato. La trincea di 2,50 x 17 m aperta perpendicolarmente a questa sistemazione ha consentito di accertare che non si trattava di un fossato, ma del fronte di una cava, lungo la quale era stato costruito il muro di cinta dell'insediamento, interamente distrutto (come tutte le altre evidenze archeologiche al suo interno) dai pesanti lavori agricoli realizzati in questa area. Tale cava presenta tuttavia due diversi tipi di tracce di estrazione: una di grossi blocchi rettangolari, riferibile, anche sulla base di un frammento di ceramica, alla fine del IV secolo a.C., in concomitanza con la creazione della tomba ; una di piccoli blocchi quadrati, riferibile al sito medievale, la cui datazione è stata confermata dal ricco materiale raccolto. Sul piccolo oppido dell'Isolotto, ad un centinaio di metri a sud-est della tomba, lo scavo estensivo delle strutture preservate ha consentito di stabilire definitivamente che esse erano pertinenti ad un piccolo fortino di prima età ellenistica costruito in opera quadrata, probabilmente dotato di una torre di guardia, inserita nel sistema difensivo della vicina Musarna in modo da assicurare, verso nord, il controllo dell'importante asse viario Sorrina-Tuscania. Diverse evidenze confermano una rioccupazione del sito nel corso della prima età imperiale, già rilevate nel corso dello scavo della cisterna pertinente al complesso, di cui un bacino accuratamente costruito con frammenti di tegulae rivestite con opus signinum ; sembra trattarsi di un riuso legato a modeste attività agricole. Non è stata trovata, invece alcun traccia di un'occupazione del sito nel corso del Medioevo. Altre due operazioni, senza legame con la tomba, sono state anche condotte quest'anno. Ad ovest della fattoria Pepponi, i lavori agricoli avevano riportato alla luce un blocco di nenfro recante tre lettere di un'iscrizione etrusca di grande dimensioni (Jolivet-Motta 2009). Lo scavo eseguito in questo settore, preparato con una prospezione geofisica, ha permesso di stabilire che il blocco era stato riadoperato per foderare il perimetro di un forno per la calce di forma ovale, di cui non è stato possibile accertare la datazione. Lo smontaggio sistematico della struttura fatta di blocchi di nenfro e di tufo, rozzamente disposti, non ha consentito di rinvenire altri blocchi pertinenti allo stesso monumento. Infine, è stata interamente ripulita la cd. Grotta delle Statue di Respampani, della quale è stato realizzato un rilievo 3D. Il sondaggio aperto al disopra della tomba, sigillata da uno strato di terra di scarso spessore, non ha consentito di evidenziare la presenza di un qualsiasi monumento sovrastante l'ipogeo.

FOLD&R

    • Vincent Jolivet. 2013. Civita Musarna tra passato, presente e futuro. FOLD&R Italy: 283.

Bibliography

    • V. Jolivet e L. Motta, 2016, Etruscan Puzzle: The Monumental Tomb of Grotte Scalina, World Archaeoloy 80, 26-30
    • V. Jolivet e L. Motta, 2016, Etruscan Puzzle: The Monumental Tomb of Grotte Scalina, World Archaeoloy 80, 26-30
    • V. Jolivet, 2016, Macedonia and Etruria at the Beginning of the Hellenistic period: A Direct Link, dans D. Katsonopoulou et E. Partida (dir.), ΦΙΛΕΛΛΗΝ/PHILHELLENE. Essays Presented to Stephen G. Miller [τιμητικός τόμος για τον Καθηγητή Στέφανο Μίλλερ], Athènes, 317-333
    • V. Jolivet, E. Lovergne, 2017, The Monumental Tomb of Grotte Scalina : Solved and Unsolved Questions, Etruscan News 18, 10.
    • V. Jolivet e E. Lovergne, 2012, ‘La tombe monumentale de Grotte Scalina’, in Chronique des fouilles online, MÉFRA.
    • V. Jolivet e E. Lovergne, La tomba rupestre monumentale di Grotte Scalina (VT), Atti del convegno Etruria in Progress, Roma, 2013 (in corso di stampa).
    • V. Jolivet e E. Lovergne, La tomba rupestre monumentale di Grotte Scalina (VT), in L. Mercuri e R. Zaccagnini (ed.), Atti del convegno Etruria in Progress. La ricerca archeologica in Etruria meridionale, Roma, 2014, p. 165-170
    • V. Jolivet, E. Lovergne, 2015, Architecture palatiale macédonienne, architecture funéraire étrusque : la tombe monumentale de Grotte Scalina (Viterbe), in Actes du colloque de Merida: 47-50
    • V. Jolivet e E. Lovergne, c.s. La tombe rupestre monumentale de Grotte Scalina (Étrurie méridionale), Revue Archéologique.